I romanzi che ho letto nel 2018

Buongiorno a tutti.

Ci lasciamo alle spalle il 2018 e, come tanti, uso questo pretesto per tirare un po’ le somme e disegnare i propositi per il prossimo anno.

Nel 2018 ho raggiunto risultati importanti. A gennaio ho concluso la saga Jolly Roger con l’ultimo volume, il quinto, intitolato: Il piano di Archer.

Ho anche partecipato al torneo IoScrittore per la prima volta, con un altro romanzo che avevo scritto questa primavera. Anche se non sono riuscito a vincere, ho lavorato duramente su questo manoscritto insieme a un editor molto professionale e ora vorrei provare a cercare un editore. Vedremo.

Ci sono stati anche diversi eventi che mi hanno visto partecipe. Per esempio ho partecipato al Novara in Bionda, sfidando altri 19 autori con in mano una birra, parlando cinque minuti a testa del proprio romanzo. Il pubblico ha votato e sono arrivato 9° su 20. Un risultato che mi ha soddisfatto parecchio, considerando che c’erano autori del calibro di Simone Sarasso, Paolo Roversi e Rosa Teruzzi, insieme a molti altri.

Ho anche avuto il piacere di sperimentare la prima bancarella a Sestri Levante, alla fiera di Libri in Baia, dove ho anche tenuto una conferenza sul Self Publishing insieme alla editor Sara Gavioli.

Insomma, una saga chiusa (e per me già questo vale tantissimo), un altro romanzo concluso ed eventi nuovi, mai fatti prima. Questo mi fa sentire a un gradino più in alto, consapevole di aver raggiunto qualcosa, di aver fatto un passo in avanti.

Ho anche letto molto. Pure questo mi ha dato molte soddisfazioni. Qui vi metto l’elenco delle mie letture. Di alcune si possono trovare anche le recensioni qui sul sito.

Incubo (Wulf Dorn)

Dannati (Glenn Cooper)

Mosaico (Marco De Luca)

La freccia nera (Robert Louis Stevenson)

Misery (Stephen King)

Il buio dentro (Antonio Lanzetta)

La luce dell’impero (Marco Buticchi)

L’atlante dell’invisibile (Alessandro Barbaglia)

La torre nera (Stephen King)

Il rumore del pallone sul cemento (Dario Santonico)

Citizen Band (Gianni Marchetti)

Fiori sopra l’inferno (Ilaria Tuti)

La cattiva strada (Simone Sarasso)

Il bacio del lago (Sunny Valerio)

Il ritratto di Dorian Gray (Oscar Wilde)

La vera storia del pirata Long John Silver (Bjorn Larsson)

Alice nel paese delle meraviglie (Lewis Carroll)

On writing (Stephen King)

Lo strano caso del dottor Jackiel e Mr Hyde (Stevenson)

Allegra! (Emanuele Martinelli)

Il mistero dell’isola di ghiaccio (Miriam Briotti)

Il tutto, per un totale di 21 romanzi. Mi ero promesso di arrivare a 20, quindi sono felice del risultato.

E per l’anno prossimo? Beh, spero di arrivare a 30 romanzi letti, di pubblicare il libro che ho nel cassetto, di terminare la stesura di un romanzo di fantascienza che sto scrivendo ed essere più attivo sul blog. E voi? Quali mete vi siete posti per il 2019?

Divertirsi con gli easter egg.

Buongiorno amici lettori.

Come state? L’altro giorno sono andato a vedere al cinema il film Marvel “I guardiani della galassia vol.2”. Non sto a raccontarvi in questo post le mie impressioni sulla pellicola, ma voglio concentrarmi su una cosa che ha catturato la mia attenzione.

Oltre al solito cameo di Stan Lee, che si diverte ad apparire in tutti i film della saga di supereroi, ho potuto notare in una scena l’apparizione di un personaggio fumettistico/cinematografico che, come comparsa, conversava amabilmente con altre persone sullo sfondo. Di chi si trattava? Di Howard il Papero. Forse non tutti se lo ricorderanno, ma nel 1986 George Lucas e Gloria Katz produssero un film ispirato a questo strambo personaggio dei fumetti. All’epoca fu un flop, ma col tempo divenne un cult, tanto che anche chi, come me, è nato qualche anno dopo ha potuto vederne la riproduzione in tv (si tratta del papero nella foto principale dell’articolo).

Perché far apparire Howard, slegato alla serie di film attualmente in circolo seppur sempre appartenente all’universo Marvel? E soprattutto, perché farlo comparire se non ha nulla a che vedere con la trama e non influisce minimamente sulla storia?

La risposta sta in una semplice parola: easter egg. Ma che cos’è un easter egg? Letteralmente significa “uovo di pasqua” e rappresenta l’idea di una sorpresa nascosta all’interno del film, della serie tv o del romanzo. Sono dettagli o rimandi creati appositamente per i fan più accaniti o, a volte, per un semplice sfizio dell’autore. Ce ne possono essere di diversa natura. Ve ne elenco alcuni:

  1. quelli che fungono da citazioni a opere a cui il regista/scrittore è affezionato;
  2. quelli che rimandano ad altri film/libri dell’autore stesso;
  3. quelli che si collegano ad aspetti secondari dello stesso film/libro.

Per poter fare degli esempi concreti, voglio mostrarvi alcuni easter egg presenti nella saga Jolly Roger, dove sono presenti tutte e tre le categorie.

  1. Riferimenti a opere esterne, soprattutto di genere piratesco.

«Potrei risolverla io con il loro capitano. Come si chiama? Threepwood?» Yan accennò una risata. «Vuoi chiarire con un uomo che dice di aver visto una scimmia a tre teste? Non ne caveresti nulla. Preferisco sbrigarmela da me. (Jolly Roger vol.3 “I fratelli della costa”)

In questo caso la citazione è della saga videoludica “Monkey Island” in cui il capitano Guybrush Threepwood riusciva a fuggire dagli avversari fingendo di vedere alle loro spalle una scimmia a tre teste.

«Come hai detto che ti chiami?» «John McKenzie, signore» rispose il barbuto con fierezza. «John» ripeté il pirata annuendo. Si volse verso il suo quartiermastro facendo una smorfia. «Monsieur Stevenson, vi ho chiesto un cuoco. Il massimo che sapete propormi è uno zoppo dalla gamba di legno? Ci avete messo più impegno quando mi avete procurato quel pappagallo che chiedeva pezzi da otto!» (Jolly Roger vol.4 “La torre del ribelle”)

Qui il riferimento è al romanzo di Robert Louis Stevenson “L’isola del tesoro”. Il pirata Long John Silver, nel libro, si fa arruolare come cuoco sulla nave del protagonista ai fini di impossessarsi del tesoro che questi intende trovare. Silver è un personaggio noto per la sua gamba di legno e ha con sé un pappagallo appartenuto al capitano Flint che aveva l’abitudine di dire “pezzi da otto!”

Troviamo anche il nome della nave di lord Archer, l’Arkadia, che omaggia la serie animata Capitan Harlock, e la frase pronunciata dal pirata Quentin Ember, in due occasioni, “temi la morte?”, che ricalca quella di Davy Jones nei “Pirati dei Caraibi”.

2) Quelli che rimandano a libri dello stesso autore.

Anche sotto questo aspetto mi sono sbizzarrito. Si tratta di dettagli che non è sempre facile cogliere a una prima lettura, ma che mi è piaciuto creare per formare un universo compatto e circolare. Ad esempio, nel primo volume, Sid, John ed Elisabeth arrivano in piazza e tre uomini stanno per essere impiccati. Si tratta di John Smallwood, Henry Sullivan e Santiago Ramirez.

Nel prologo del terzo volume, in un flashback, troviamo Mendoza, in una locanda di Tortuga, che viene provocato proprio da questi tre uomini. Jorge Ximenez, discutendo con questi, si augura di poter assistere, un giorno, alla loro esecuzione pubblica.

3) Quelli che si collegano ad aspetti secondari dello stesso libro.

Anche in questo caso ho creato diversi dettagli che, se colti, possono svelare ulteriori misteri in merito al racconto. Non menziono quelli più importanti così da non spoilerarvi nulla, nel caso non abbiate ancora iniziato a leggere la saga. Piuttosto, vi menziono soltanto un easter egg minore, come il fatto che, nel primo romanzo, nello spettacolo di burattini della compagnia dei Gatti di Strada vengano rappresentati un pirata dalle folte sopracciglia e una donna con l’uncino al posto della mano. Questi, altro non sono che Miguel Mendoza e la piratessa Saph.

Insomma, gli easter egg sono qualcosa di estramente divertenti per chi ama scrivere. E voi? Li amate? Ne fate uso?

Al prossimo post, ciurmaglia!

Black Sails: tiriamo le somme.

Buongiorno a tutti, amici lettori.

Oggi chiacchieriamo di una serie televisiva che, seppur di nicchia, ha saputo avere negli ultimi anni un discreto seguito. Stiamo parlando di Black Sails, serie della Starz, composta da quattro stagioni e ultimata poche settimane fa.

Visto l’argomento della pirateria, di cui ho trattato nella saga letteraria Jolly Roger, mi sembra giusto parlarvi anche di questa serie. Difatti, Black Sails parla proprio di pirati, ambientando la trama agli inizi del 1700 nell’isola delle Bahamas, più precisamente nella cittadina di Nassau.

Il filone centrale, su cui si basano tutti gli episodi, è il ritrovamento di un ricco carico d’oro su un galeone spagnolo e la conseguente contesa fra i pirati per il suo possesso. Attorno a questo fulcro ruotano le storie di pirati famosi (Barbanera, Charles Vane, Calico Jack e Anna Bonnie) ben miscelate a quelle di pirati di fantasia, estratti dal romanzo “L’isola del tesoro” di Stevenson (Long John Silver, Billy Bones e il capitano Flint). Queste quattro stagioni, infatti, fanno da prequel al romanzo appena citato.

Devo dire che non era facile trattare dal punto di vista televisivo questa tematica. Difatti, l’ambientazione piratesca è vittima del peso ingombrante della saga Disney dei “Pirati dei Caraibi” che ormai ha reso stereotipata la figura del bucaniere, facendola associare nelle menti delle persone a quella di Jack Sparrow.

Black Sails, però, riesce bene nell’impresa e punta sul realismo di ciò che racconta, rispetto alle avventure rocambolesche e fantasiose della ciurma della Perla Nera, tra fantasmi, uomini pesce ed elisir della vita eterna. Qui abbiamo uomini che combattono per la libertà, per la sopravvivenza, in un clima crudo e violento, dove ambizione e orgoglio sono gli elementi dominanti.

L’unico punto a sfavore, che mi sento di dare a questa serie, è l’eccessivo uso di scene sessualmente esplicite, in gran parte gratuite, che sembrano avere l’unica intenzione di far parlare di sé e spiccare, destando l’attenzione di tutti con qualcosa di forte, al limite del pornografico (Il Trono di Spade insegna).

Al di là di questo e di alcuni episodi dove i dialoghi sono risultati un po’ troppo meccanici e arzigogolati, la serie dimostra ottima qualità, soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi e nella loro evoluzione. Tra tutte, quella del giovane John Silver, inizialmente cuoco di un mercantile, che si ritrova invischiato in faccende più grandi di lui che col tempo impara a gestire, facendosi influenzare dalla personalità oscura di Flint fino a diventare il famoso pirata dalla gamba di legno, capace di azioni crudeli e prive di alcuno scrupolo.black-sails-finale-flint-ending-theory

In conclusione, non posso che ritenermi appagato, al termine di questa serie. L’ho trovata notevolmente realistica e a tratti perfino istruttiva. Rispecchia molto bene gli usi e i costumi dell’epoca e il fatto stesso che, una volta terminata, non ho potuto resistere alla tentazione di comprarmi il romanzo de “L’isola del tesoro”, significa che il suo scopo l’ha pienamente raggiunto.

Al prossimo post!