Fumetti: Thor. Il macellatore di déi.

Buongiorno amici lettori.

Come scrissi in un altro post, mi sono messo da poco a collezionare i fumetti della Marvel Now, una nuova serie Marvel che si propone di avvicinare i nuovi lettori a storie vecchie di decenni. Ero partito con i numeri di Mondo Avengers, di cui ho parlato qui, ma mi sono poi reso conto, attraverso un affidabile sito, che non erano i primi volumi della collana.

Dopo una breve ricerca, ho capito che il numero di Thor, Il macellatore di déi, era quello che cercavo. Ve ne parlo subito qui sotto.

9788891209689_0_0_1538_75

Facciamo un passo indietro, rispetto ai fumetti Avengers. Troviamo un Thor, nello spazio, alle prese con un’entità che riemerge dal suo passato: Gorr, il Macellatore di Dei.

Questo nemico, conosciuto da Thor già nel IX secolo D.C. semina morte tra le divinità, uccidendole in maniera crudele nel corso dei secoli. Queste divinità vengono catalogate come “divinità scomparse” e nessuno si è mai preso la briga di verificare cosa gli fosse successo veramente. Thor, però, trovando collegamenti a ciò che aveva visto secoli prima, decide di recarsi sui pianeti di questi déi, trovando uno scenario spaventoso. Inizia così la sua ricerca di Gorr e il disperato tentativo di fermarlo.

Consideriamo ora alcuni aspetti nel dettaglio:

  1. La sceneggiatura: ottima dal mio punto di vista. Questo, in primis, perchè a differenza del caotico Mondo Avenger, fa sentire il neofita lettore a suo agio, grazie a tre strisce temporali (Passato, presente e futuro) che danno spessore al personaggio, rendendo chiara la sua psiche e diversi aspetti della personalità di Thor, oltre a chi è, da dove viene ecc… Molto chiara e comprensibile mi ha molto coinvolto;
  2. Il protagonista: come dicevo, Thor è stato ben tratteggiato. Lo troviamo nel passato, arrogante e presuntuoso, nel presente con i suoi carichi di responsabilità e il suo senso del dovere, così come nel futuro, amareggiato e vecchio per ciò che il suo nemico è riuscito a fare. Oltre a questi collocamenti temporali abbiamo anche dei viaggi nel tempo che permettono di non dare nulla per scontato. Se in Mondo Avenger avevo dato 8 a Thor, penso di confermare il mio voto anche in questo volume;23_13772121855554
  3. L’antagonista: che dire di Gorr? Mi è piaciuto parecchio. Questo sia per la sua potenza, mettendo davvero in difficoltà l’eroe di Asgard, e sia per il suo background, appena tratteggiato ma subito comprensibile, con un astio verso tutte le divinità, troppo impegnate nelle proprie faccende da non aver aiutato il suo popolo sofferente. L’unica cosa che non viene resa nota è l’acquisizione dei suoi poteri. Chissà se verrà spiegato in seguito.23_13827889922846

In questo volume c’è anche una comparsata di Iron Man, che aiuta Thor nel raggiungere un obbiettivo. Poca cosa, poche battute, ma veniamo a sapere che Tony Stark è impegnato in alcuni viaggi sulla luna.

Che dire quindi? Se ho dato 8 al personaggio, mi sento di dare 9 alla storia. Finalmente inizio a sentirmi a mio agio nel mondo Marvel Now.

A presto ciurma!

 

Infinity War: cosa mi aspetto dalla Marvel.

Buongiorno amici lettori e bentornato a me.

Spero di essere più presente da questo mese in avanti e chiedo scusa per la mia prolungata assenza estiva.

Come ben sapete, oltre che di libri, in questo blog mi piace parlare anche di cinema, serie televisive e altre mie passioni. In questo caso vi parlerò della Marvel e dell’inoltrarsi alla fase 3 dopo il tanto atteso film spartiacque Infinity War.

Ho notato di recente molte ipotesi e teorie su quello che ci attenderà e vorrei fare anche io qualche ipotesi, giusto per fare qualche scommessa e poter vedere in seguito quanto ci ho azzeccato (sicuramente nemmeno mezza). Veniamo al dunque:

  1. La morte di Tony Stark. Robert Downey Junior ha ormai 52 anni. All’epoca del primo Iron Man (2008) ne aveva 43. L’età avanza e anche se il suo personaggio è rinchiuso dentro2cbb04e7ef9266e1e57a9b0e75bc555f-iron-man-avengers-marvel-iron-man a un’armatura, senza dover agire grazie al suo fisico (e quindi non dovendo essere sottoposto ad allenamenti estenuanti) ho avuto l’impressione che l’attore non abbia più molta voglia di proseguire l’avventura. Consideriamo anche il fatto che il suo cerchio narrativo si è praticamente chiuso, con il matrimonio con Pepper e l’evoluzione del personaggio fino al suo cambiamento in Civil War, così come il fatto che, facendo da mentore a Spiderman in Homecoming, ha praticamente passato la staffetta. Circolano anche voci che Ironman 4 si farà, ma che non sarà lui a vestire i panni dell’eroe. Possiamo quindi dire che è alta la possibilità di una sua dipartita o di un suo mettersi da parte in favore di un/una giovane sostituto/a.
  2. La sostituzione di Capitan America. Chris Evans ha ormai onorato il suo contratto e dalle sue ultime interviste non sembra avere progetcapitan-americati con la Marvel in una continuazione delle avventure dell’eroe-soldato. Dopo Civil War il pubblico ha preso coscienza del fatto che quello scudo potrebbe portarlo anche un’altra persona diposta a vestirne i panni e i fumetti già hanno abituato i fan al fatto che ci siano stati altri “capitani” oltre a Steve Rogers. Facile, dunque, che questi lasci il posto a qualcun altro (senza dover morire) come il Cavaliere d’Inverno, il più papabile.
  3. Hulk più che mai. Molti dicono che i costi della computer grafica potrebbero portare la Marvel ad abbandonare l’idea di tenere Hulk a lungo andare e che quindi è tra gli eliminabili nei prossimi film. Io personalmente non sono d’accomaxresdefaultrdo. Per quanto costi molto e non abbia avuto molta fortuna nei suoi film singoli, Hulk è tra i personaggi preferiti dei bambini e da un punto di vista di marketing tira molto. A questo aggiungiamo il fatto che essendo un eroe in gran parte rappresentato a computer, Ruffalo ha ben poche scene da girare e il suo invecchiamento e il suo stipendio non graverebbero sulle riprese. Sono quindi convinto che lo vedremo sul grande schermo ancora a lungo.
  4. Thor sarà confinato da qualche parte. Molto probabile, considerando il fatto che Chris Hemsworth ha finito a sua volta il contratto ed è in ballo con tantissimi progetti cinematografici. Non si parla da nessuna parte4526898-3400932-1thor della possibilità di un Thor 4 e vista la sempre più numerosa presenza di nuovi eroi, quelli vecchi devono inevitabilmente essere messi da parte. Non penso che debba morire, perché se morirà Ironman sarà già una dura perdita da sopportare e la Marvel non girerà troppo il dito nella piaga. Piuttosto, vista anche la giovane età dell’attore, prevedo un esilio che permetterà in futuro di farlo tornare affiancando qualcuno dei nuovi eroi.
  5. La morte di Visione. Questa è inevitabile se pensiamo che la sua esistenza è dovuta essenzialmente da una delle pietre a cui ambisce Tamaxresdefault1nos. Per poterle possedere tutte, il nemico dovrà per forza di cose porre fine all’esistenza di questo personaggio.
  6. Nuovi eroi di punta: Spiderman, Pantera Nera, Doctor Strange, Capitan Marvel, Antman e Guardiani della Galassia. I film in programma riguardano questi personaggi e saranno loro a divenire il nuovo fulcro delle prossime trame. Prevedo una esclusione di Occhio di Falco, in qualche modo, e la presenza confermata di Vedova Nera, Scarlet Witch e Falcon.
  7. Secondo me, la Marvel si darà molto da fare nei prossimi anni per acquisire i diritti degli X-Men, introducendo un nuovo Wolverine nell’MCU.

Questo è tutto. Voi cosa prevedete?

A presto.