Ho letto “Il buio dentro”, di Antonio Lanzetta.

Buongiorno amici lettori.

Come mi ero promesso, sto riuscendo a tenere un buon ritmo di lettura. Facendo un riepilogo dei romanzi letti e recensiti qui sul blog da Gennaio a oggi, ci troviamo fra le mani: Incubo (Wulf Dorn), Dannati (Glenn Cooper), La freccia nera (Louis Stevenson), Mosaico (Marco DeLuca), On Writing (Stephen King, anche se questo è più un manuale) e Misery (Stephen King). Considerando anche il libro di cui ora vi sto per parlare, siamo a quota sette libri in quattro mesi e viste le mie precedenti medie posso dire di aver fatto dei buoni passi in avanti.

Ma qual è l’ultimo romanzo letto? Si tratta de “Il buio dentro” di Antonio Lanzetta.cover-il-buio-dentro-top-ten

Ero venuto a conoscenza di questo libro a causa di una serie di fortunati eventi. Seguivo Alessia Coppola, autrice amica di una BookTuber che mi aveva recensito e che aveva appena firmato un contratto con La Corte Editore per pubblicare Wolfheart (da poco, Alessia ha pubblicato anche con Newton Compton Editore, con Il profumo del mosto e dei ricordi).

La Corte Editore è una CE di Torino che mi ha affascinato sin da subito. Osservandola anche alle fiere ho avuto un piacevole impatto con la sua veste grafica, sia nella gestione degli stand che nelle copertine e ho percepito una grande dose di coraggio e determinazione che, a mio avviso, la farà diventare presto una piacevole realtà inserita tra le big di casa nostra. Così, iniziando a sfogliare i suoi autori e i suoi titoli, mi sono imbattuto in Antonio Lanzetta, uno dei suoi scrittori di punta che ha iniziato a vendere anche all’estero con grande successo (in Francia, Belgio e Canada). Da lì ad acquistare una copia del suo romanzo il passo è stato breve. Veniamo alla trama:

Il corpo di una ragazza viene ritrovato appeso ai rami di un albero. Il filo spinato scava nei polsi e nella corteccia di un vecchio salice bianco. Le hanno tagliato la testa e l’hanno lasciata sul terreno solcato dalle radici, gli occhi vuoti ora fissano quelli di Damiano Valente. Lui è lo Sciacallo, un famoso scrittore specializzato nel ricostruire i casi di cronaca nera nelle pagine dei suoi libri. Nessuno conosce il suo aspetto, e per Damiano questa è una fortuna: il volto deturpato da cicatrici e quella gamba spezzata che si trascina dietro come un fardello non sono trofei che gli piace mettere in mostra. Lo Sciacallo è un cacciatore che insegue nella morte le tracce lasciate dall’assassino della sua amica Claudia. Un omicidio avvenuto nell’estate del 1985, quando lui era solo un ragazzino con la passione per la corsa e amici in cui credere. Un omicidio che gli ha cambiato la vita.Trentuno anni dopo, Damiano ritorna ai piedi di quel maledetto salice bianco, per dare una risposta a quella sua ossessione che come una ferita pulsante gli impedisce di andare avanti. Con lui ci sono gli amici di sempre, Stefano e Flavio, le cui esistenze si intrecciano inesorabilmente nella dura e cruda scoperta della verità, riportandoli a rivivere le emozioni di una folle estate che ha segnato le loro vite per sempre.

Il romanzo, come abbiamo appena visto, si divide in due linee temporali: una ambientata ai giorni nostri e l’altra nel 1985. Questo ci permette sia di seguire le indagini relative all’omicidio di Elina che di approfondire la vita della persona chiamata ad aiutare la polizia nella cattura dell’assassino, Damiano Valente.

Damiano, Stefano e Flavio sono infatti tre uomini la cui infanzia è stata profondamente segnata dalla morte della loro amica Claudia, avvenuta nello stesso modo in cui è morta Elina.

Ho trovato molto interessante il fatto che le due linee temporali in questione siano state narrate da due punti di vista differenti. Ai giorni nostri veniamo catapultati nei panni di Damiano, segnato sul volto da brutte cicatrici e con una gamba malridotta. Nel passato, invece, ci ritroviamo in quelli di Flavio, così da poter conoscere meglio anche questo secondo protagonista della vicenda. Questo stratagemma aiuta moltissimo a stimolare l’empatia nel lettore, anche se l’unico difetto è quello di trascurare il terzo elemento, Stefano, con cui si fa fatica a entrare in sintonia (probabilmente è voluto, data la secondaria importanza del personaggio, anche se mi sarebbe piaciuto condividerne maggiormente i sentimenti).

Le atmosfere potrebbero ricordare inizialmente It di Stephen King, con Damiano e Stefano che sulla tomba di Claudia ricordano la promessa fatta da bambini, ma ho riscontrato molti più richiami a Mystic River di Dennis Lehane. In ogni caso, emerge come siano stati, probabilmente, questi due autori ad aver influenzato profondamente Lanzetta.

I protagonisti sono tutti quanti perfettamente disegnati, anche Claudia, per cui sono arrivato a provare una terribile sofferenza e angoscia al momento della morte, sentimenti che non provavo, credo, da quando lessi “Nel bosco” di Tana French.

Direi, quindi, che l’aspetto emotivo sia il punto forte di questo autore nostrano, ben dimostrato in un romanzo dove i rapporti interpersonali prendono il sopravvento su quella che l’indagine vera e propria. Difatti, lo svolgersi di questa avviene in maniera molto rapida e semplice, senza i complicati rompicapo a cui siamo abituati nei classici gialli e thriller. Forse, qualche amante del genere potrebbe risultarne deluso ma, per quanto mi riguarda, l’evoluzione dei personaggi mi ha così tanto preso da rimanerne comunque appagato e soddisfatto.

L’unica nota dolente è che sono riuscito a capire chi fosse l’assassino fin troppo in anticipo. Gli indizi disseminati lungo il percorso mi sono sembrati troppo espliciti e questo ha tolto un po’ di gusto alla lettura.

Per il resto, non posso che consigliare assolutamente questo libro e a tenere d’occhio un autore che avrà ancora molto da dire non solo nel nostro paese, ma anche a livello internazionale.

Voto: 8,5

Ps. Da poco è uscito il suo secondo romanzo: “I figli del male”, sempre edito da La Corte Editore.

 

Annunci