Ho letto “Chimera” di Eleonora Rossetti

Si conclude il secondo mese dell’anno e la quota di libri letti sta mantenendo il passo giusto per raggiungere quella annuale che mi ero prefissato (30 libri).

Per chi si fosse perso le mie letture di gennaio, ecco il link all’articolo, dove si parla di: Moby Dick, Mary Read e Non si uccide per amore.

Venendo a febbraio, ho avuto modo di scoprire un’autrice valtellinese, Eleonora Rossetti, e di leggere un classico della letteratura (di cui vi parlerò in un altro post). Andiamo per ordine, parlando di “Chimera”, di Eleonora Rossetti, edito da La Corte Editore.

Tempo fa lessi un post di Dario Tonani, autore di Naila di Mondo 9, che ho letto l’anno scorso (dimenticandomi di metterlo nel post di riepilogo delle letture del 2018, insieme a un paio di altri romanzi, ahimé), dove si diceva che la fantascienza odierna stia trascurando troppo l’aspetto dell’intrattenimento, perdendo così interesse del grande pubblico. Nel caso del romanzo di Eleonora non è così. Viene trattata una tematica molto interessante e che può essere oggetto di riflessione, ossia la simbiosi tra tecnologia e cervello, il tutto senza tralasciare l’azione vera e propria, che coinvolge dalla prima all’ultima pagina.

Credo che l’argomento del cervello stia prendendo sempre più piede in questo genere di romanzi, così come nella cinematografia. Se un tempo ci si concentrava molto di più sulla robotica nel senso ampio del termine, oggi l’argomento di punta sembra stia diventando proprio questo: il cervello. Basti pensare a serie televisive come Altered Carbon o Travelers. Io stesso, nel progetto Backup, insieme ad altri tre autori, stiamo toccando questo tema che ha ancora tanto da dire.

Passando a Chimera, ecco la trama:

Jonathan Sniper è sempre stato alla ricerca dello scoop del secolo, ma non avrebbe mai immaginato di finirci in mezzo. Tutto precipita una notte, quando si ritrova in mezzo alla strada con una pistola in tasca e i vestiti sporchi di sangue non suo. Non sa come sia arrivato lì: l’ultima cosa che ricorda è che stava aiutando uno sconosciuto a sfuggire a dei malviventi. Un uomo che, nei suoi ultimi istanti, gli ha inoculato qualcosa. Da quel momento, il buio. Adesso è lui a ritrovarsi braccato, non solo dalla polizia, ma anche da misteriosi individui che cercano di catturarlo con ogni mezzo per recuperare ciò che gli è stato affidato senza il suo consenso. Qualcosa che ora gli sussurra nella testa, a volte consigliandolo, a volte ostacolandolo, ma addirittura prendendo il comando del suo corpo: una coscienza estranea, artificiale, che rivendica la sua presenza, ripetendo “io sono Jonathan”. Tra vuoti di memoria, inseguimenti, inganni e alleati insperati, Jonathan dovrà capire cosa nasconde dentro di sé prima ancora di svelare i misteri che lo circondano. E scoprirà a sue spese che, se da un lato un’intelligenza artificiale non conosce le emozioni, dall’altro la natura umana, sotto la patina dell’etica e della morale, è la più brutale che esista al mondo. “

Ho trovato il libro molto appassionante. La preparazione di Eleonora Rossetti sulle tematiche trattate è notevole. Si parla di droni, di mondo digitale, di cervello, di armi e molto altro e in ognuno di questi campi non si ha la sensazione di terminologie buttate a caso ma di una precisione che rafforza la fiducia del lettore verso la scrittrice. Questa fiducia porta la storia a essere credibile, pur essendo in un’ambientazione futuristica e di fantasia. Mi ha ricordato tanto i romanzi del compianto Michael Crichton che, come dissi in un vecchio post, è stato il primo autore a cui mi sono affezionato.

Eleonora Rossetti

Il romanzo, in conclusione, mi è piaciuto molto. Si divora in poco tempo proprio a causa del ritmo sempre alto (forse anche troppo, lasciando pochi momenti di respiro). Il protagonista è molto ben caratterizzato anche se la soluzione del suo dramma interiore mi è parsa molto telefonata e non ho avuto l’effetto sorpresa al momento della rivelazione che metteva tutti i tasselli al loro posto. Anche i personaggi secondari sono molto interessanti e la trama è gestita magistralmente.

Lo straconsiglio sia agli appassionati di fantascienza ma anche a quelli di avventura e di azione. Spero che Eleonora Rossetti continui a scrivere questo genere letterario perché è in gamba ed è un’ottima penna che farà parlare di sé.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...