Passengers: quando il protagonista divide il pubblico.

Ben ritrovati, amici lettori.

La settimana scorsa ho avuto modo di vedere uno dei film più attesi dell’anno scorso, ossia Passengers. Perché parlare di film in un blog che tratta essenzialmente di libri? Beh, perché i film e i telefilm sono rappresentazioni di sceneggiature e queste possono essere sempre fonte di spunto e ispirazione anche per chi scribacchia.

Prima di discutere in merito al punto che volevo portare alla vostra attenzione, però, spendiamo due righe sul film e sulla trama.

Passengers è un film, come dicevamo, del 2016, diretto dal norvegese Morten Tyldum (sì lo so, sembra il nome di un personaggio del Signore degli Anelli), già reso noto dalla pellicola che lo candidò all’Oscar nel 2014: The Imitation Game.

La sceneggiatura è invece di Jon Spaihts, che la scrisse già dieci anni fa. Spaihts è stato già in passato molto legato al mondo della fantascienza, avendo scritto i due prequel della saga di Alien (tra cui Prometheus). C’è la sua mano anche dietro la sceneggiatura del film della Marvel “Dottor Strange” e del rilancio, in prossima uscita, de “La Mummia”.

In questo film si punta molto su due volti che sono sulla cresta dell’onda nel cinema Hollywoodiano, ossia Chris Pratt (I Guardiani della Galassia e Jurassik World) e Jennifer Lawrence (Hunger Games).

La trama parla di una nave spaziale con a bordo 5000 umani ibernati, diretta alla colonia Homestead II. Il viaggio ha una durata prevista di 120 anni e il risveglio dei passeggeri è programmato per avvenire pochi mesi prima dell’arrivo. L’obbiettivo è quello di popolare la colonia, a causa del sovappopolamento della terra.

Fino a qui tutto tranquillo, tranne che per un meteorite che colpisce l’astronave, causando alcuni problemi tecnici che portano una delle 5000 capsule di ibernazione a risvegliare il proprio occupante, il meccanico Jim Preston, dopo soli 30 anni dalla partenza.

Jim è inizialmente scosso e si lascia prendere dal panico. Sa bene di non potersi fare ibernare di nuovo e che la sua vita è condannata a essere vissuta nella più totale solitudine fino alla fine dei suoi giorni, senza poter mai vedere la colonia di destinazione.

Il nostro protagonista prova a distrarsi con tutti i comfort che la nave dispone, ma dopo solo un anno e mezzo inizia a rasentare la follia e a pensare al suicidio. Proprio quando sta toccando il fondo della disperazione, nota, in una delle capsule, una giovane ragazza di bell’aspetto. Inizia ad indagare su di lei, a guardare le interviste fatte dalla giovane prima della partenza e a contemplarla tutti i giorni. Se ne innamora e il desiderio di svegliarla e porre fine ai suoi tormenti dati dall’isolamento è sempre più forte.

A questo punto, il pubblico viene messo davanti a una difficile decisione, dal punto di vista morale: risvegliare la donna amata e vivere insieme a lei, pur condannandola a una vita di reclusione o concederle la possibilità di una vita migliore, nella colonia, rinunciando alla possibilità di vivere assieme? Questo problema etico e morale è una lama che taglia in due gli spettatori, stimolando i sentimenti e la coscienza e tirando fuori anche il concetto che ognuno di noi ha dell’amore.

Non voglio dire altro della trama, ma voglio soffermarmi sul fatto che simili aspetti narrativi sono molto potenti (pensate al finale di Sette Anime e delle discussioni che suscitò)  e riescono a lasciare il segno non solo negli spettatori, ma anche nei lettori. La maggiorparte dei romanzi, però, tende a usare un’etica del protagonista che rispecchia molto quella che dovrebbe avere il lettore, accompagnandolo in scelte condivisibili che rendono il personaggio un po’ stereotipato nella categoria dei “buoni”. Quando, però, si trovano questi meccanismi all’interno di una storia, non si può che riconoscerne un valore aggiuntivo. Pensiamo al finale del romanzo “Inferno” di Dan Brown, dove le scelte di Robert Langdon possono essere approvate oppure criticate dal lettore. Oppure alle decisioni che vengono prese dai personaggi del Trono di Spade di George Martin, anche qui in grado di creare divisioni e preferenze fra chi segue la saga.

Voi che ne pensate? Vi vengono in mente altri romanzi che hanno avuto questo impatto grazie a decisioni del protagonista che possono dividere il pubblico?

Al prossimo post!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...